Ad ogni cane il proprio snack: ecco come sceglierlo

Ad ogni cane il proprio snack: ecco come sceglierlo cover
Foto di repertorio

Come scegliere lo snack giusto per il proprio cane? Non esiste una risposta univoca perché molto dipende dalla taglia e da altre caratteristiche psicologiche del cane, oltre che dall’età. Per questo selezionare l’alimento giusto, sia esso il cibo di tutti i giorni o lo snack usato come premietto, può essere difficile. Quali sono dunque i fattori da tenere in considerazione?

Voracità del cane

Esistono cani più o meno famelici, altri schizzinosi. Per questi ultimi è sempre meglio scegliere uno snack sano ma appetitoso, quindi è consigliabile provare qualcosa di proteico di suo gusto. Ad esempio, nel caso in cui il cane gradisca particolarmente il pesce ci si può orientare verso un monoproteico di questa tipologia come Fish4Dogs, oppure Natura+ e Canagan

Se Fido invece è famelico, è meglio puntare su uno snack con cui possa perdere tempo per non rischiare che chieda in modo pressante altri bocconcini. Si potrebbe perciò acquistare un osso in pelle pressato (ad esempio quelli prodotti da Yoss). Se, viceversa, il cane non mangia molto negli orari lontani dai pasti il padrone farà bene a puntare al “premietto di addestramento”, utilizzando lo snack soprattutto in questo modo.

Taglia del Cane

Il numero di snack da dare al giorno va valutato in base a taglia, età e struttura del cane. Se si tratta di una razza che ingrassa facilmente, come il Labrador, è opportuno essere parchi con questi alimenti anche se si acquistano quelli di tipologia light (come ad esempio i Booby’s, oppure i biscottini Robinson Bakery). Stesso discorso è valido per i cani di taglia piccola e per i soggetti anziani e sterilizzati perché il loro metabolismo è rallentato. Si rischia infatti di far prendere peso al cane danneggiando l’apparato cardiocircolatorio e le articolazioni.

Snack come premio da addestramento

Il premietto di addestramento deve essere piccolo. Se troppo grande, infatti, il cane utilizzerà molto tempo per masticarlo dimenticando il motivo per il quale l’ha avuto e vanificando la sua funzione educativa. La scelta migliore è quella di un premietto semiumido come Alpha Spirit, piccolo e morbido. In questo modo la concentrazione del cane durante l’addestramento non verrà disturbata. Possono essere validi anche i prodotti di Natura+, Fish4Dogs oppure Canagan.

Snack come passatempo

Se un cane è famelico, o tende ad annoiarsi durante la giornata, lo si può aiutare a passare il tempo con snack che lo costringano a masticare. Un esempio, come accennato anche inizialmente, potrebbe essere l’osso in pelle bovina Yoss, oppure i Beezteez.

Utilizzo come snack spezzapasto

Per cani che richiedono spesso il cibo può essere utile dare loro qualcosa che li faccia resistere alla fame fino al prossimo pasto. È meglio affidarsi in questo caso ad uno snack spezza-pasto che faccia perdere loro tempo: oltre a quelli descritti nel paragrafo precedente in commercio si trovano biscottini duri (come quelli di Nature Deli di Farmcompany, Tasty Pet oppure Karlie). È preferibile inoltre scegliere alimenti light o proteici, in base ai gusti del cane. Possono essere utilizzati, all’occorrenza, per fare attività di addestramento all’aperto.

Snack Igiene dentale

Anche se un biscotto non sostituisce una buona pulizia del tartaro effettuata da un veterinario, uno snack per l’igiene orale può aiutare a mantenere la bocca più sana. Masticare un biscotto duro, uno stick (come Brit Care o Nature Deli) oppure la pelle di pesce essiccata (ad esempio Fish4Dogs) permette di pulire naturalmente i denti con la masticazione. Anche in questo caso va fatta attenzione al dosaggio: si tratta di alimenti che vanno ad aggiungersi all’apporto quotidiano di nutrienti, quindi è sempre opportuno non esagerare nelle quantità o si rischia di fare ingrassare Fido. Ed importante sempre invitarli a bere l’acqua, o lasciargliela a disposizione.

© Riproduzione Riservata