Lacrimazione eccessiva nel cane: come curarla

Le “lacrime di ruggine” di Fido possono essere trattate con pesce bianco e integratori a base di alghe

Lacrimazione eccessiva nel cane: come curarla cover
Foto di: Karl, di Giulia Tardani

Una colorazione del sotto gli occhi  marroncina, o ramata, che preoccupa il padrone: sono tanti i proprietari di cani che si trovano ad affrontare il problema della cosiddette “lacrime di ruggine”. Si tratta di un disturbo dovuto quasi sempre ad una questione alimentare, particolarmente evidente dal punto di vista estetico nei cani a pelo bianco come barboncini o maltesi, anche se tutti i cani possono essere colpiti da questo tipo di problema.  La pigmentazione bruno – rossastra della zona sotto gli occhi è il segno clinico più evidente, tuttavia si può assistere anche a fenomeni di irritazione della pelle.

Perché il cane lacrima?

La lacrimazione eccessiva del cane – o epifora canina –  è un sintomo, non una malattia specifica, e come tale può essere associato a diverse variabili. In condizioni normali negli occhi del cane viene prodotto un sottile film lacrimale che serve da lubrificante e defluisce nei dotti drenanti. Se le lacrime aumentano, il drenaggio diventa insufficiente e il liquido finisce sul muso del cane, macchiandone il pelo. In molti casi la causa del disturbo è da ricercare in una malfunzione intestinale.

Cosa fare se il cane ha una lacrimazione eccessiva?

Per risolvere il problema si può quindi agire sull’alimentazione. In particolare andranno preferiti cibi facilmente digeribili. Il pesce bianco, in quanto ipoallergenico, è uno degli alimenti più indicati. Se si sceglie questa strada è importante continuare per qualche mese perché i risultati non saranno immediati. Tuttavia il trattamento può essere abbinato ad integratori ad hoc.

Uno degli integratori indicati è a base di alga spirulina, un prodotto di colore blu-verde che contiene quasi il 70 per cento di proteine, che rafforza il sistema immunitario e migliora la funzione gastrointestinale. La dose di spirulina da dare al cane varia a seconda della taglia – solitamente non si va oltre i 2,5 grammi giornalieri – e l’integratore può dare benefici anche sul fronte delle allergie alimentari e della prevenzione di forme tumorali.

L’altro prodotto consigliato, in combinazione o in alternativa alla spirulina, è l’Ascophyllum nodosum. Anche in questo caso si tratta di un’alga, stavolta bruna, che contiene moltissima fibra alimentare e ripulisce l’intestino dalla flora batterica in eccesso. È ricca di vitamine (A, B2, B3, B6, C, H, K),  ed è molto utile anche per evitare la formazione di tartaro nei denti, contrastando tra le altre cose il fenomeno dell‘alitosi, spesso associato ai cani che soffrono di eccessiva lacrimazione.

Come pulire il pelo del cane dalle lacrime

Per quanto riguarda la questione puramente estetica, per pulire il muso del vostro amico a quattro zampe sono indicate salviette e prodotti specifici. Ce ne sono di molti tipi, il consiglio, vista la particolare zona che si va a trattare, è quella di utilizzare prodotti che irritino il meno possibile come quelli a base di aloe.

© Riproduzione Riservata